Entra nel vivo il progetto speciale della Conferenza Episcopale Italiana che coinvolge 5.000 Parrocchie in tutta Italia

Progetto speciale “Una Firma X Unire”

La nostra Diocesi partecipa con 27 Parrocchie su tutto il territorio nelle 4 zone pastorali

Viviamo tempi che non avremmo mai immaginato di dover affrontare, dove è sempre più difficile rimanere uniti e riuscire a mettere ogni cosa in comune. La pandemia, distanziandoci, per un lungo periodo, anche fisicamente, ha cambiato forse per sempre il modo di stare insieme.

Esiste da sempre un’azione silenziosa, operosa e continua della Chiesa per il bene comune. Come un fiume attraversa profondamente la nostra civiltà, percorre ambiti nascosti e dimenticati, portando aiuto concreto alle persone, ristoro e senso.

Come nelle prime comunità cristiane, ed oggi più che mai, la Chiesa è chiamata a stare insieme nella condivisione. In questo tempo particolare, caratterizzato dalla crisi generata dal COVID-19 e dalla guerra in Ucraina, si sono moltiplicate su tutto il territorio nazionale le azioni di prossimità a beneficio delle famiglie, di enti e associazioni, dei profughi che scappano. Questo è possibile anche grazie all’utilizzo delle risorse dell’8xmille utilizzate per innumerevoli opere di carità, di culto e pastorale, e per il sostentamento del clero.

Anche Papa Francesco nell’ Enciclica “Fratelli Tutti” ci svela «[…] un bellissimo segreto per sognare e rendere la nostra vita una bella avventura. Nessuno può affrontare la vita in modo isolato […]. C’è bisogno di una comunità che ci sostenga, che ci aiuti e nella quale ci aiutiamo a vicenda a guardare avanti. Com’è importante sognare insieme! […] Da soli si rischia di avere dei miraggi, per cui vedi quello che non c’è; i sogni si costruiscono insieme». 

Oggi, come nelle prime comunità cristiane, siamo chiamati a rispondere a questo tempo difficile, realizzando “sogni insieme”.

La Chiesa necessita di tante persone che, attraverso la loro opera ed il loro servizio, possano creare le condizioni affinché questo fiume di bene, di sogni ed obiettivi, possa scorrere ed arrivare a chi ne ha bisogno. Ciò avviene attraverso il Sovvenire di tutti, nessuno escluso, ognuno secondo i propri carismi e possibilità. La parola Sovvenire indica il soccorrere, il venire in aiuto; ma anche il venire in mente, il tornare alla memoria.

E non è proprio casuale che il verbo sovvenire indichi, ad un tempo, il “sopraggiungere in soccorso” e il “ricordarsi” e il “venire in mente”. La logica del dono fa sì che la Chiesa “sovvenga”, “sopraggiunga” cioè in soccorso dell’altro “facendo memoria” d’essere segnata nel più profondo di se stessa dell’Evento di grazia che continuamente la genera alla responsabilità e alla condivisione. (Dono e condivisione, S.E. Mons. Donato Negro, 2015)

Anche solo una firma, la firma della scelta dell’8xmille, serve a dire, io ci sono, sono presente, voglio sognare con la Chiesa cattolica e contribuire a realizzare questi sogni!

 

Il Progetto

La Parrocchia che aderisce al progetto “unafirmaXunire” diventa un luogo dove poter promuovere ed assistere i propri parrocchiani ad esprimere la firma dell’8xmille consapevole:

  • formando ed informando i fedeli sul meccanismo di sostentamento economico della Chiesa cattolica;
  • presentando l’opportunità di sostenerla anche attraverso la propria firma. Una firma che permette di destinarle, una quota pari all’8xmille del gettito complessivo dell’Irpef. E’ una opportunità che non esclude nessuno. Possono firmare tutti! Anche le persone esonerate dall’obbligo della dichiarazione dei redditi;
  • presentando le opere realizzate in Italia e nel proprio territorio diocesano e parrocchiale. E’ importante far sperimentare concretamente la trasparenza dell’utilizzo dei fondi 8xmille: l’effetto che produce sulla realtà di ogni giorno, il semplice gesto di una firma, che riesce a cambiare la vita di moltissime persone con più di ottomila progetti di solidarietà ogni anno;
  • aiutando i fedeli alla comprensione che ogni singola “Firma” è di più, molto di più. Nessuno si senta escluso o esonerato dalla scelta. E’ un gesto di profonda appartenenza che, non costa niente, non è una tassa in più, ma fa la differenza nel permettere alla Chiesa cattolica di portare avanti la sua missione: sostenere gli interventi caritativi in Italia e nei paesi in via di sviluppo, le esigenze culto e pastorali, e provvedere al sostentamento dei Sacerdoti.
  • aprendo presso la Parrocchia un “Centro di Informazione e Raccolta” per i suoi fedeli.

Il servizio di informazione e formazione è rivolto a tutti i parrocchiani ma, in modo speciale con la raccolta delle “Buste con le schede” è dedicato a tutti i pensionati, così come a quei lavoratori saltuari e dipendentisacerdoti e religiosi, che non sono obbligati a compilare la dichiarazione dei redditi (Modello 730 o Modello Redditi) ma dispongono del Modello CU (Certificazione Unica). 
Per questi contribuenti sarà possibile, direttamente in parrocchia, – ritirare, compilare e riconsegnare – la “Busta con la scheda”, per poter esprimere, facilmente e gratuitamente, la propria preferenza per la destinazione dell’8xmille e del 5xmille.

 

Le Parrocchie 

Hanno aderito al progetto speciale le seguenti parrocchie in rappresentanza dell’intero territorio diocesano:

Quattro parrocchie nel Vicariato Sud-Galati di Messina:

  1. S. Paolino (Mili)
  2. S. Nicola di Bari (Zafferia)
  3. Sacra Famiglia (CEP)
  4. S. Maria Immacolata (Contesse)

Sei parrocchie nel Vicariato Centro-Nord di Messina

  1. Santi Pietro e Paolo
  2. S. Giacomo maggiore
  3. S. Caterina V.M.
  4. S. Francesco d’Assisi (San Licandro)
  5. SS. Annunziata (vill. Annunziata)
  6. San Gabriele dell’Addolorata

Quattro parrocchie nel Vicariato Faro 

  1. S. Maria delle Grazie (Pace)
  2. S. Maria dei Miracoli (Sperone)
  3. S. Nicola (Ganzirri)
  4. S. Giovanni battista (Castanea)

Cinque parrocchie nella Zona Tirrenica:

  1. Giovanni Paolo II (Portosalvo, Barcellona)
  2. Stefano protomartire (Milazzo)
  3. San Domenico (Saponara marittima)
  4. Maria delle Grazie (Terme Vigliatore)
  5. Giovanni Battista e S. Maria Immacolata (Falcone)

Cinque parrocchie nella Zona ionica:

  1. Sacra Famiglia (Santa Teresa Riva)
  2. Pancrazio (Giardini Naxos)
  3. Annunziata (Gaggi)
  4. Maria Assunta e S. Giuseppe (Nizza)
  5. Maria del Carmelo (Santa Teresa Riva)

 Tre parrocchie nelle Isole Eolie:

  1. S. Giuseppe (Lipari)
  2. S. Cristoforo (Canneto – Lipari)
  3. S. Giuseppe (Leni)

Assistenza

Per fornire un supporto adeguato a tutte le eventuali richieste di assistenza è attivo un “Help Desk” nazionale al numero Tel. 06 97 85 84 14 dal lunedì al venerdì dalle 9:00/13:00 e dalle 15:00/19:00, e-mail: assistenza@sovvenire.it

Potrai, inoltre, rivolgerti per ulteriori chiarimenti all’Incaricato diocesano per la Promozione del Sostegno economico alla Chiesa Cattolica:
Tel. 339.1706865 e-mail: sovvenire@diocesimessina.it